engita
Aero Club Como
Associazione sportiva dilettantistica
federata all'Aero Club d'Italia e al CONI
Via Masia 44
20100 Como ITALY
info@aeroclubcomo.com
AEROCLUBCOMO               AeroClubComo on Facebook AeroClubComo on YouTube

[---- SOLO TESTO - Sito in allestimento ----]

 

Il Triangolo Lariano e i laghi della Brianza
Fino a Bellagio, con ritorno lungo il ramo di Lecco e la Brianza

 

Questo giro conduce sino a Bellagio, come quello classico. Il ritorno avviene invece discendendo lungo il ramo di Lecco.


Dopo avere ammirato il paese di Varenna, con Villa Monastero e, sulle alture sovrastanti, il castello di Vezio, si imbocca decisamente il ramo lecchese, che non presenta alcuna tortuosità, a differenza di quello comasco.
Trovandosi in mezzo al lago, tra Bellagio e Varenna, si può arrivare a vedere tutto il ramo fino a Lecco, ornato a sinistra dalla piccola penisola di Lierna e dai conoidi di deiezione su cui si sono sviluppati i paesi di Mandello e Abbadia Lariana. Tali conoidi sono frutto degli apporti in materiali, nel corso dei millenni, da parte dei torrenti che scendono dalle pareti delle Grigne.
Poco a sud di Varenna sfocia quel che è noto come il più corto fiume d’Italia, Fiumelatte, immortalato, per l’impetuosità del flusso d’acqua, in molte stampe dei secoli scorsi.
La sponda occidentale del ramo di Lecco è selvaggia e poco abitata. Quella orientale, rocciosa e scoscesa, presenta gli imponenti massicci della Grigna e della Grignetta.
Giunti alla città, si vira a destra nella valletta che da Malgrate porta a Civate, sul Lago di Annone, passando a fianco del Monte Barro. Sboccando in pianura si ha la visione di sfilata di tutti i laghi brianzoli: Annone, in primo piano, come abbiamo detto, Pusiano, Alserio e, se si vola a quota piuttosto alta, anche Montorfano. Il ritorno a Como avviene sorvolando tutti questi laghi e il vasto agglomerato di Erba, dopo aver lasciato sulla destra i Corni di Canzo e il Cornizzolo.
A sud e ovest di Erba si possono ammirare il castello di Monguzzo e quello di Casiglio. Sulla strada per Como, a Orsenigo, è evidente un torrione diroccato, che fa da spalla a più recenti fabbricati.
Una variante prevede che, giunti ad Abbadia Lariana, si imbocchi la stretta valle che, passando per Valbrona, Asso e Canzo, conduce allo stretto Lago del Segrino, il primo che ghiaccia in inverno, per poi giungere sul Lago di Pusiano.
Da Lecco, invece, si può anche proseguire ai laghetti di Garlate e Olginate e poi lungo l’Adda, come è descritto in altro itinerario.
Prima dell’arrivo a Como si vedono, a sinistra, l’aeroporto di Alzate Brianza, usato dai volovelisti, mentre a destra i bei crinali boscosi del Boletto e poi San Maurizio, con il faro voltiano, e Brunate.

 

     
Share on facebook