engita
Aero Club Como
Associazione sportiva dilettantistica
federata all'Aero Club d'Italia e al CONI
Via Masia 44
20100 Como ITALY
info@aeroclubcomo.com
AEROCLUBCOMO               AeroClubComo on Facebook AeroClubComo on YouTube

Barnstormers of the Seas

 

Un aereo che scende dal cielo e ti porta a fare un giro: un sogno che per molti diventa
inaspettatamente realtà grazie ai "Barnstormers of the Seas"

Barnstorming: il termine (da barn, “aia”), nell’inglese-americano degli anni Venti del XX secolo, stava a indicare il girare per distretti rurali mettendo in piedi spettacoli e attrazioni teatrali e sportive, un’attività molto diffusa nelle grandi pianure del Middle West americano in quell’epoca.
Per quel che riguarda l’aviazione, il termine è stato usato, proprio a partire dagli anni Venti, per definire un’attività del tutto particolare, sempre svolta in sperdute cittadine di campagna. Che cosa potevano fare i piloti reduci dalla Grande Guerra in Europa, ritornati in America con qualche soldo e tanta pratica di volo? Come potevano procurarsi da vivere gli innumerevoli “malati” di aviazione che riuscivano a mettere le mani su uno delle migliaia di “Jenny” costruiti dalla Curtiss e rimasti inutilizzati o dismessi a conflitto ormai cessato (valore 5000 $, svenduti a 200 $)?
Certo, c’erano attività aviatorie dignitose, nobili o rinomate, di cui parlavano tutti i giornali: le prime compagnie di trasporto aereo, i tentativi di trasvolata oceanica (la prima dell’Atlantico fu compiuta nel 1919 dal capitano Read, con l’idrovolante Navy Curtiss NC-4), il far parte di qualche circolo di millionnaires amanti degli aeroplani. Ma migliaia e migliaia di piccoli aviatori si trovarono a dover vivere basandosi solo su un più o meno malandato aeroplanetto e molti lo fecero nel ruolo di “saltimbanchi dell’aria”.
Uno di questi era Charles Lindbergh, che descrive nei suoi libri le esperienze vissute come barnstormer.
Lindbergh sorvolava le grandi pianure degli Stati Uniti e quando si imbatteva in un villaggio ne percorreva la Main Road in un volo a coltello, sollevando mulinelli di polvere con l’estremità dell’ala; poi faceva qualche acrobazia e atterrava nel primo prato agibile dopo l’ultima casa. A quel punto molti accorrevano, desiderosi di vedere un aereo e – chissà mai – di poter volare. Lindbergh portava in volo quegli entusiasti per un dollaro e così si guadagnava da vivere.

Descrizione
Idrovolante di Como a Forte dei Marmi.

Lo stesso fecero moltissimi piloti, divenuti poi famosi, che non poterono tuttavia mai dimenticare il passato di barnstormers.
Nel mondo di oggi, altamente inurbato e dotato di aviazioni molto regolamentate, il barnstorming non è più possibile, con un’eccezione: il barnstorming acquatico, un’attività che, a distanza di ottant’anni da quando la faceva Lindbergh, può essere fatta dai piloti di idrovolante e di pochissimi altri mezzi volanti.
L’idrovolante ha infatti un’incredibile caratteristica: può operare ovunque vi sia acqua. Ciò significa che l’idrovolante può portare l’aviazione ove essa mai potrà essere presente e il piacere di volare a masse di persone che mai, di loro volontà, andrebbero in un aeroporto per prendere un aereo.
Solo l’elicottero e la mongolfiera vincolata possono competere con l’idrovolante in questa attività, ma sono difficilmente accessibili a questi mezzi i magnifici luoghi che si affacciano sull’acqua, a cui può invece accedere un idrovolante.
L’idrovolante è dunque il mezzo più adatto per propagandare il volo, una delle più importanti attività istituzionali degli Aero Club federati all’Aero Club d’Italia.

Il distintivo dei “Barnstormers of the Seas”

A ricordo e in onore degli antichi barnstormers, l’Aero Club Como ha prodotto un distintivo che portano i soci piloti che portano in volo le persone che lo richiedono, nell’ambito dell’attività di propaganda del volo.
Esso reca la scritta “Barnstormers of the Seas” per indicare che la tradizionale attività viene nel caso specifico praticata su superfici acquee.
Requisiti essenziali per poter fare tali voli sono una notevole esperienza di volo idro e svolgere tali voli in qualità di volontari, escludendo nel modo più assoluto qualunque forma di compenso. Ciò per affermare l’intento di diffondere il piacere del volo e l’amore per l’aviazione.

L’arrivo di un idrovolante su una riva è una festa per grandi e piccoli. Molti dei bambini ripresi nella foto in alto hanno volato, potendo osservare dall’alto il luogo in cui vivono, un’esperienza di alto valore culturale e altamente formativa.

     
Share on facebook