engita
Aero Club Como
Associazione sportiva dilettantistica
federata all'Aero Club d'Italia e al CONI
Via Masia 44
20100 Como ITALY
info@aeroclubcomo.com
AEROCLUBCOMO               AeroClubComo on Facebook AeroClubComo on YouTube
18/12/2016

A Malta con il Cessna 172 XP e il Lake 270

Grande interesse nell’isola per avviare operazioni con idrovolanti

 

Il nostro socio maltese Jonathan Galea, con la Malta Seaplanes Association da egli stesso fondata e diretta, si sta adoperando da tempo per avviare a Malta operazioni di idrovolanti, in collaborazione con l’Aero Club Como.

Già nel maggio scorso una commissione del Club era stata invitata a Malta a parlare con i responsabili di Transport Malta e del Ministero del Turismo per valutare l’utilizzo di un vecchio scivolo e la costruzione di infrastrutture per il ricovero di idrovolanti, nonché per valutare la possibilità di avviare un’attività di scuola e commerciale con idrovolanti nell’arcipelago Maltese.

A seguito di quegli incontri Galea ha pensato di organizzare un evento per sensibilizzare la cittadinanza, consistente in un raid di idrovolanti da Como a Malta, la Roberts Cup. Il viaggio effettuato con i due idrovolanti dal 7 al 12 dicembre è servito quale prova generale e per presentare l’iniziativa alle autorità e al pubblico.

Il viaggio a Malta è stato effettuato con il Cessna 172 XP I-DROV, con a bordo l’istruttore Christian Verderame e il già citato socio Galea, e con il Lake 270, con a bordo Mario Pittorelli e Cesare Baj. I primi hanno seguito la costa adriatica, i secondi quella tirrenica, giungendo a Malta Luqa quasi contemporaneamente, nella giornata di venerdì 9.

Sabato 10 mattina era stata organizzata nel porto una cerimonia, presenti molte autorità civili, militari e dell’aviazione civile, con presentazione della coppa e delle iniziative.
I due idrovolanti comaschi, decollati da Luqa, hanno compiuto circuiti sul porto, con decolli, ammaraggi e flottaggi nel corso dell’intero evento, per il piacere non solo delle autorità, ma di un folto pubblico presente negli edifici, nei giardini e nei luoghi pubblici che danno sul porto.

Da un punto di vista operativo, ammarare in un porto come quello de La Valletta è un’esperienza di pilotaggio eccezionale. Le operazioni sono state coordinate con le autorità dell’aviazione, data la vicinanza dell’aeroporto, e con quelle portuali. Presenti i Vigili del Fuoco e unità della Marina Maltese.

Il giorno successivo sono proseguiti i voli con ammaraggi nel porto a beneficio di sponsor dell’iniziativa e dei responsabili della Malta School of Flying, che ci ha fornito assistenza sull’aeroporto.

Il viaggio ha avuto un risvolto filatelico. Sia l'Aero Club Como che la Malta Seaplanes Association hanno preparato una busta, trasportata sughli aerei nel viaggio di ritorno.

In questa occasione le Poste maltesi hanno anche prodotto un doppio francobollo da 0,37 euro, uno ei quali reca la locandina dell'evento.

L’operazione è una dimostrazione che l’idrovolante è destinato a interessare sempre più operatori e autorità di siti che si affacciano su specchi d’acqua, siano essi in zona altamente inurbata, come è il caso di La Valletta, o in zone naturali selvagge. In questi scenari l’idrovolante può operare in sicurezza senza necessità di particolari infrastrutture e con investimenti minimi.

 

 

 Seguono i link ai mezzi che hanno offerto un resoconto dell’evento di sabato 10 dicembre.

Times of Malta

The Independent

Tvm

One

Malta Today

Exivo

 

Interessanti siti sull'aviazione a Malta

Aviation in Malta

Malta Aviation Museum

Malta Aviation Society

Maltese Heritage & History - Airfields

Malta School of Flying

 

Share on facebook