engita
Aero Club Como
Associazione sportiva dilettantistica
federata all'Aero Club d'Italia e al CONI
Via Masia 44
20100 Como ITALY
info@aeroclubcomo.com
AEROCLUBCOMO               AeroClubComo on Facebook AeroClubComo on YouTube
Voli sperimentali sul Lago Omodeo, in Sardegna
5/7/2011

Voli sperimentali sul Lago Omodeo, in Sardegna

Gli idrovolanti dell'Aero Club Como richiesti dalle amministrazioni locali

 

   

Da sinistra, spiaggia e aeroporo di Propiano, in Corsica, e Porto Torres.

 

 Fine settimana sulle acque del Lago Omodeo, bacino artificiale all'interno della Sardegna in provincia di Oristano, in occasione di una manifestazione organizzata dalle autorità del posto. La presenza richiesta anche per valutare l'utilizzo di tale lago per operazioni con idrovolanti, nonché l'impatto ambientale, nella speranza di avviare un procedimento per ottenere l'apertura di un'idrosuperficie.

 

Passando on top sui Giovi.

A bordo del Cessna 206, lo scrivente Brenna e Frigerio, con Adriano Giorgi, meccanico al seguito per svolgere i controlli giornalieri e come elemento di sicurezza per qualsiasi evenienza.
Partiti sabato mattina, facciamo rotta diretta per Propriano, passando per Genova, quindi Calvi in Corsica e lungo costa via Ajaccio. Atterrati in territorio francese per rifornimento, apprendiamo che non c'è possibilità di avere benzina, ma solo JET A1. Avendo ancora più di un'ora di autonomia, rideccolliamo e dopo neanche 15 minuti di volo raggiungono l'aeroporto di Figari. Espletate le varie incombenze e il pagamento delle tasse, inviamo un nuovo piano di volo e ripartiamo alla volta della Sardegna.
Facciamo rotta e poi un basso passaggio sull'aeroporto di Alghero, quindi su Oristano infine sul Lago Omodeo.
Grande accoglienza al nostro arrivo, presenti diversi fotografi, autorità del paese e del comitato organizzativo. Nel pomeriggio non è prevista nessuna attività e pianifichiamo le operazioni del giorno successivo. Il tempo è buono, si decide nel tardo pomeriggio di fare rifornimento carburante all'aeroporto di Cagliari, che raggiungiamo dopo circa 40 minuti di volo.

 

Il Lago Omodeo. A destra, “portage” del meccanico Giorgi da parte del pilota Brenna (un tempo erano
i meccanici che portavano a riva i piloti...).
  

Il Cessna rientra sul lago ormai all'imbrunire e l'equipaggio non può che godersi il panorama indescrivibile che la natura offre ai loro occhi.

 

 

Il Cessna 206 sul Lago Omodeo.

Il giorno successivo vengono portati in volo alcuni giornalisti locali, accompagnati dal Sindaco e da due assessori. Successivamente viene proposto alla gente un piccolo sorvolo del territorio. Come sempre la partecipazione è notevole, con adulti e tanti bambini alla loro prima esperienza di volo.

 

Pietro Brenna illuminato da una luce quasi
sovrannaturale, dopo l'arrivo all'imbrunire.

Breve pausaper il pranzo, organizzato sotto un grande tendone, dove i piloti possono degustare le specialità del posto.
Clima molto caldo e ventilato per vento di scirocco e nel pomeriggio si toccanno i 38°. L'attività viene temporaneamene sopsesa per un paio d'ore.
Verso sera gli ultimi voli, dopo un'attenta pianificazione del rientro in termini di carburante.
Lunedi mattina sveglia di buon'ora, controllo dell'aereo e imbarco alla volta di Figari, facendo la rotta inversa dell'andata.
Rideccolato dalla Corsica, il Cessna 206 tocca le acque del Lario dopo circa 2 ore e mezza, lasciando a Brenna, Frigerio e Giorgi un bellissimo ricordo dell'avventura appena conclusa, della grande ospitalità avuta dalle persone e un nuovo tassello da aggiungere alla loro carriera di piloti e mecanici di idrovolanti.
Pietro Brenna

 

Alessandro Frigerio studia la rotta del ritorno. A destra, i piloti e il meccanico in rotta verso Como.
 

 

Share on facebook