engita
Aero Club Como
Associazione sportiva dilettantistica
federata all'Aero Club d'Italia e al CONI
Via Masia 44
20100 Como ITALY
info@aeroclubcomo.com
AEROCLUBCOMO               AeroClubComo on Facebook AeroClubComo on YouTube
La DGAC francese in visita all’Aero Club Como
11/12/2009

La DGAC francese in visita all’Aero Club Como

All'Idroscalo per studiare il “Caso Como”, ovvero come possa esistere nella vecchia Europa una struttura così avanzata di volo idro.

 

La delegazione francese con alcuni consiglieri del Club.
  

Una delegazionecomprendente i massimi dirigenti della DGAC (Direction Générale de l'Aviation Civile), tra cui il direttore Patrick Gandil, è venuta a Como a studiare il caso del nostro Idroscalo e dell'attività gestita dall'Aero Club.

Dopo aver lasciato a Lugano il Kingair 350 con cui sono giunti da Parigi, i nove componenti della missione sono state portati in auto a Como, dove si sono trattenuti per l'intera giornata.

Descrizione
Cereda durante il briefing alla qualificatissima
e attenta platea.
 

I piloti hanno seguito un briefing, tenuto dall'istruttore Franco Cereda e hanno fatto vari voli di familiarizzazione con il volo idro.

I non piloti e due signore al seguito sono state invece portati ad ammirare le bellezze del Lario sul Lake Turbo 270.

Al pomeriggio è stata aperta una sessione di lavoro nella quale Baj ha discusso tutti gli aspetti di carattere normativo indispensabili per lo sviluppo dell'aviazione idro e ha esposto tutte le problematiche operative riguardanti le attività con idrovolanti.

È veramente interessante poter discutere temi così importanti con coloro che hanno i poteri per normare la materia in un'intera nazione. E desta ammirazione la serietà e la dedizione ai propri uffici di persone di così alto livello, ai vertici di un'organizzazione importante come la DGAC, che dedicano tanto tempo ed energie per prendere conoscenza di una tematica sulla quale sono chiamati a prendere decisioni.

Infine non si può non essere soddisfatti nel vedere una prospettiva per il volo idro francese, che attualmente è penalizzatissimo da normative-capestro e che i vertici della DGAC hanno in animo, almeno in parte, di liberalizzare.

Descrizione
IlDirettore della DGAC Patrick Gandil
con il presidente Baj.

Soddisfazione anche aver potuto avere un ruolo in questa possibile, per non dire probabile, evoluzione, ruolo che ovviamente deriva dalla nostra ormai ottantennale esperienza.

Nel corso della visita non sono mancati momenti di piacevole conversazione e convivio, culminati nella partecipazione della delegazione alla nostra cena sociale, situazioni che hanno fatto sconfinare un rapporto di tipo professionale in un rapporto di amicizia tra persone che hanno il comune fine di far progredire l'aviazione.

 

Clicca qui per leggere un comunicato stampa francese sull'avvenimento.

Share on facebook